diari di bordo

diari di bordo

La maledizione del Chaiten

Una minchiata, ops, una sciocchezza a viaggio ci scappa sempre. Il guaio è che la minc... la sciocchezza cilena arriva nel momento peggiore, alla vigilia dei due giorni più tosti, quelli della transumanza da Chaiten a Coyhaique via Futaleufù, lungo una Carretera Austral in versione “potresti non…

Leggere di più

Un ultimo giorno di Cile

Il Cile mi ha detto arrivederci con i colori di Valparaiso. Non era in programma, Valparaiso: perché arrivavo da Punta Arenas e volevo che l’ultima immagine sulla rétina prima di accecarmi a Legnano fossero i delfini australi di Bahia Agua Fresca. Perché c’era da noleggiare la macchina, e metti che…

Leggere di più

Odissea inglese

Succede che lunedì 28 agosto Easy Jet ci cancella il volo dall’Inghilterra a Milano, un piccolo, noioso fastidio in coda a un esaltante weekend di musica irlandese al Pairc Festival di Birmingham. Ce ne accorgiamo a pochi metri dal gate, quando la macchinetta che scansiona le carte d’imbarco non…

Leggere di più

Futaleufù

Al volante del pulmino della Bochinche Expediciones c’è Alicia. Alicia riconcilia con la vita: perché è di una bellezza abbagliante, bionda vera, statuaria, un viso tra Grace Kelly e la Paltrow di Sliding doors; e perché ha scelto di ignorarla, la propria bellezza, ha scelto di fare l’autista in…

Leggere di più

Senza benzina sul Mauna Kea

Il factotum della Hertz mi aveva messo in guardia: le quattro ruote motrici ti issano in cima al mondo, però attento, ché a marce basse la Jeep succhia tutta la benzina in poche miglia. Ok man, ti ho dato retta, sono partito da Hilo con mezzo serbatoio, fuel a sufficienza per scalare i 4.000 del…

Leggere di più

Il nano di Amelie

Non sono uno scalatore. Ho il passo lungo, alla Pippo Baudo, ottimo in piano, invalidante in salita. E mi manca il fiato: sui sentieri obliqui l’espansione forzata della cassa toracica mi provoca dolori allo sterno, come piccole coltellate. Se occasionalmente mi arrampico in montagna è soltanto per…

Leggere di più

Frozen, l’incanto del San Rafael

Da due giorni sono ospite di Amanda: sui settanta, scattante e civettuola col suo rossetto e gli occhiali alla Jackie Kennedy, Amanda è la regina incontrastata della casa. Parla uno spagnolo cileno credo incomprensibile agli stessi cileni, figurati a me, oltretutto borbotta rapidissima mentre si…

Leggere di più

Morire alle Hawaii

Se me lo facessero scegliere, il luogo dell’uscita di scena, non avrei dubbi, saluterei tutti sul sentiero delle sabbie scivolose - lo Sliding sands trail - circondato dai crateri dell’Haleakala: un cedimento cardiaco improvviso mentre cammino tra lava rossa e lava nera. Di certo non sceglierei di…

Leggere di più

Eric, Rebecca e il lobster roll

Il 13 ottobre 2019 verrà ricordato come il giorno del mio primo lobster roll, un panino all’olio semibiscottato grondante polpa di astice. Succulento e a buon mercato, è lo spaghetto del New England atlantico, lo si trova ovunque. Io lo sto mangiando a Portsmouth, l’unica tappa rispettata…

Leggere di più

Non ci sono balene a Cape Cod

Potevo essere l’Achab dell’Alto Milanese. Alle 9.30 sono pronto, quelli della Whale Watcher Cruise di Hyannis ci hanno tenuto a scrivere che sarebbero partiti puntualissimi alle 11 e che sulla barca avrebbe fatto molto freddo: allora si esce un’ora e mezza prima con quattro strati, maglietta,…

Leggere di più

La riserva di Vendìcari

Ferragosto in Sicilia e mi sveglio terrorizzato: nell’incubo fradicio di due minuti fa, cinque generazioni di famiglie autoctone si riversavano dai cubi non finiti dove vivevano alle spiagge, tutte le spiagge, dovunque potessero concepire una spiaggia, foss’anche un sito nucleare con una striscia…

Leggere di più

Cominciò tutto a Salsomaggiore

Certi luoghi bisogna lasciarli immacolati. Devono depositarsi nella memoria e assurgere a mito, senza mai incontrare di nuovo la realtà, che tutto corrode. È un’ora e mezza che scivolo sull’Autosole verso Bologna. Improvvisando una sosta per scollare il culo dalla sella e pranzare, incrocio il…

Leggere di più

Palermo è uno stato dell’anima

Primo giorno di acclimatamento in terra di Sicilia. Raggiunta Palermo dall’aeroporto, al B&B ci accoglie un uomo di mezza età e mezza statura. Indossa una camicia a fiori, sandali da frate e dice di fare l’avvocato, ipotesi poco plausibile ma confermata dalla targa sulla porta…

Leggere di più

Verso l’Adriatico

Potrei saltarli, i seicento chilometri tra Legnano e Silvi Marina: imbarcarmi sul primo biplano in rotta verso Pescara e dal finestrino salutare il mare d’acciaio e carne diecimila metri sotto di me. Un’ora in aria, fresco, comodo, in pace con l’universo. Ma è viaggiare questo? Viaggiare è…

Leggere di più

Gente di Boston

Oggi è domenica e dev’essere la giornata dell’Amore Cosmico, a Boston. Ore 10 a.m. Sto litigando col display delle blue bikes di Garden Street, non una band di rockabilly femministe, bensì le biciclette a nolo seminate un po’ ovunque dalla solerte amministrazione locale. Si avvicina un sosia di…

Leggere di più

Sulla Scala dei Turchi

Meraviglie e nefandezze dei tre giorni trascorsi ad Agrigento. Tra le prime, il b&b Alta Marea di Porto Empedocle, hotel a quattro stelle sotto le mentite spoglie di un banale appartamento: camera ariosa, bagno moderno impreziosito dalle antiche piastrelle dipinte a mano, balconcino in ferro…

Leggere di più

Schegge di New England

La Route 112, che qui chiamano Kangamagus Highway, taglia in due le White Mountains, il cuore verde del New Hampshire. Quando mi ci ritrovo immerso, diretto da Conway a Lincoln, questa strada stretta tra i boschi supera ogni benevola aspettativa, derubricando a pallidissima imitazione della realtà…

Leggere di più

Nice to meet you, Andrìa

Quando piove il New Hampshire resta sorprendentemente suggestivo. Stamattina sarebbe in lista un’incursione nel Vermont ma non ho voglia di sobbarcarmi tre ore di highway per ammirare dozzine di granai sotto il diluvio. Peccato, perché col Vermont salta anche l’idea di calpestare i sei stati del…

Leggere di più

Saco river

Il mio dispotico programma di viaggio stamattina prevede un’uscita in kayak sul Saco River, altro luogo da agenzia viaggi. E allora mi bardo come Armstrong che esce dall’Apollo 11. Tre strati su busto e braccia - lana, poliestere da podista e pile da montanaro. Due strati sulle gambe - leggins e…

Leggere di più

Alle Skellig scortato dai delfini

Le due Skellig ora ne formano una, con le rispettive guglie di sasso che si fondono e ne fanno un duomo conficcato in mezzo all’Atlantico: dalla St. Finyan’s Bay le isole le vedo così, lontane, sovrapposte, dopo averne ammirata una dal basso, Little Skellig, e calpestata l’altra, Skellig Michael,…

Leggere di più

Malpensa – Lisbona

Nel momento in cui deposito la valigia sul nastro della TAP, avverto lo sguardo bilioso delle anime in pena immobili da ore nella fila accanto, quella di chi è sprovvisto del check-in online. Per un attimo mi chiedo se siano al corrente di una dimensione parallela chiamata Internet, poi mi…

Leggere di più

Annusando l’Atlantico

Sarà l’assolutismo itinerante del programma di viaggio, saranno i faticosi costumi locali o i fottuti cinquant’anni, fatto sta che ogni tre, quattro giorni di New England il corpo m’implora di fermarmi. Oggi sono fortunato perché, quando arriva la supplica, a Cape Cod piove e fa freddo. Mi godo…

Leggere di più

Tu vuo’ fa’ l’americano

Le poche anime che bighellonano per Cape Cod a fine ottobre si fanno un po’ tutte i fatti loro. Non che non siano gentili – gli americani lo sono per contratto: quindi mi spiegano la strada quando mi perdo, cioè spesso, mi fanno le foto quando glielo chiedo assecondando diligenti il mio…

Leggere di più

C’è qualcuno con me sul Sandy Neck

Mike aveva ragione allorché, mezzo brillo, aveva sentenziato che a fine ottobre sulle spiagge di Cape Cod sarei stato da solo. Uscendo dalla McGrath Tavern di North Conway avevo addebitato l’assolutismo della profezia un po’ alla perentorietà di qualsiasi concetto espresso dagli americani, un po’…

Leggere di più

Nel cuore delle Marche

Certo Venezia, Napoli, Roma, Firenze. Ma sotto il luccichio delle sue meraviglie, l’Italia nasconde sorprese ad ogni svincolo autostradale. Sto sgroppando in sella al mio Beverly 300 su una A14 bella come non mai, quando glutei e stomaco reclamano una sosta: penso a Civitanova Marche, tra una…

Leggere di più

Giganti

Un fruscìo leggero. Vorrei girarmi, ma non riesco a scollare lo sguardo dai profili bui delle rocce che guizzano sotto di me: quest’abisso d’inchiostro aguzzo e oleoso mi sta impiastricciando gli occhi di follia. Intorno alla fine di maggio 2017 ritoccavo il piano di conquista estiva del sud-ovest…

Leggere di più

Rimini Rimini

Non ne ho certezza, ma credo sia la mia prima volta a Rimini. Per la prima volta attraverso la liturgia di Rivazzurra-Marebello-Bellariva, non in quest’ordine. Luoghi mitologici che non pensavo esistessero davvero, appendici della Rimini felliniana protesa verso i peccati di Riccione. Fellini è il…

Leggere di più

Iscriviti alla newsletter

Non intaserò la tua posta, ma potrò segnalarti l’uscita di nuove storie e canzoni. E riceverai un brano extra di benvenuto!

Iscriviti alla newsletter

Non intaserò la tua posta, ma potrò segnalarti l’uscita di nuove storie e canzoni. E riceverai un brano extra di benvenuto!